Vi segnalo: Tron come narrazione crossmediale tra cinema e videogioco


«Tron: Evolution serves as a second act of the Tron saga’s story — the original “Tron” being the first, and the newly released “Tron: Legacy” being the third. Darren Hedges, a game director at Propaganda Games who produced the Tron: Evolution video game with Disney Interactive, calls the PS3, Xbox 360, and PC versions “The Empire Strikes Back” of the Tron saga — referring to the type of conflict that the protagonists in the original “Star Wars” trilogy encountered with it being the darker, second act. The Wii, PSP, and Nintendo DS versions of Tron: Evolution occur just prior to those events — when video games were played for sport on The Grid — before the digital world of Tron fell into chaos and oppression by the tyrannical, program-gone-bad by the name of CLU (an in-his-30s incarnation of Kevin Flynn played by digitally de-aged Jeff Bridges in the movie).»

Se Tron, film del 1982, era il primo capitolo della saga, e se Tron Legacy, in questi giorni sugli schermi italiani, ne è il terzo, il secondo capitolo è rappresentato da Tron Evolution, il videogioco lanciato recentemente da Disney Interactive. A partire da questa considerazione l’interessante articolo di Jay West,  analizza in una prospettiva crossmediale il videogioco Tron Evolution, evidenziandone le interconnessioni con la storia narrata sul grande schermo.

Per chi volesse saperne di più sul videogioco, ne segnalo anche la recensione presente su gamemag.it, a firma di Rosario Grasso, dalla quale riporto un passaggio centrato proprio sul rapporto tra il videogame ed i due film per il grande schermo, che in questo caso non sembra essersi realizzato in maniera molto convincente:

«[…] ogni media di intrattenimento ha una propria grammatica narrativa, ovvero un insieme di regole che determinano i ritmi, oltre che il modo di trasmettere il messaggio e le emozioni. Un film, ad esempio, ha la necessità di evidenziare il messaggio che veicola in due ore, un videogioco ha molto più tempo e un’arma in più, quella dell’interazione. Adattare la grammatica narrativa di un media a un altro molto spesso produce dei disequilibri, compromettendo il coinvolgimento del media di intrattenimento verso il quale viene fatto il tie-in. Ovviamente non è l’unica spiegazione al fatto che molto spesso i videogiochi tratti dai film non raggiungono i livelli qualitativi sperati. Molto spesso, e probabilmente è il caso anche di Tron Evolution, si tratta di prodotti approssimativi. Ma sicuramente Tron non è stato pensato per sfruttare il media videogioco quanto per sfruttare il media cinematografico, e ciò risulta evidente soprattutto nel coinvolgimento molto ridotto della storia di questo Tron Evolution. È una storia che mira a fare da raccordo tra il primo Tron e Tron Legacy, ma è raccontata malamente, non raggiungendo i traguardi emozionali dei videogiochi di nuova generazione. Le sequenze di narrazione sono realizzate in maniera scadente e la stessa storia non è appassionante […]»

A presto

Cor.P

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: